COME INDURRE UNO STATO ALTERATO DI COSCIENZA ATTRAVERSO LA RESPIRAZIONE (da leggere!)
 
Il respiro olotropico è un termine per indurre stati alterati di coscienza attraverso il respiro, coniato dal ricercatore scientifico, Stanislav Grof.
Con oltre cinquant’anni di lavoro irreale e di ricerca sulla coscienza e sugli stati psichedelici, la missione della sua vita è stata dedicata all’esplorazione del potenziale di guarigione (e trasformativo) degli stati “non ordinari” dell’essere.
 
Che cos’è il respiro umano?
Holotropic Breathwork ™ è un potente approccio all’esplorazione e alla guarigione che integra intuizioni della ricerca moderna della coscienza, antropologia, psicologia profonda, psicologia transpersonale, pratiche spirituali orientali e tradizioni mistiche del mondo. Il nome Holotropic significa letteralmente “muoversi verso la totalità” (dal greco “holos” = intero e “trepein” = muoversi in direzione di qualcosa).
 
 i principi di HB, secondo Stanislav e Christina Grof, sono i seguenti (via Grof Holotropic Breathwork):
-Posizione teorica:
La teoria del respiro umano holotropico comprende una vasta comprensione della psiche umana che include il biografico, perinatale e le dimensioni transpersonali. I fenomeni di tutti questi domini sono considerati come costituenti naturali e normali del processo psicologico; Sono accettati e supportati senza preferenza.
-Riconoscimento del fatto che gli stati non consueti di coscienza indotti da respiratorie olotropiche, come pure simili stati che si verificano spontaneamente, mobilitano forze di guarigione intrinseche nella psiche e nel corpo.
 
 
Mentre il processo si sta svolgendo, questo “guaritore interno” manifesta la saggezza terapeutica che trascende la conoscenza che può derivare dalla comprensione cognitiva di un medico individuale o da una scuola specifica di psicoterapia o di lavoro.
-Approccio pratico:
Gli elementi fondamentali del respiro umano di tipo holotropico sono la respirazione più profonda e accelerata, la musica evocativa e la facilitazione del rilascio di energia attraverso una forma specifica. Questo è completato da un’espressione creativa, come il disegno “mandala”, e la discussione dell’esperienza. Il respiro di tipo “Holotropic Breathwork” può essere condotto in base a una sola modalità, o preferibilmente in una situazione di gruppo, in cui i partecipanti si alternano al ruolo degli esperti e dei “Sitters”.
 
Prima della prima esperienza respiratoria, i partecipanti ricevono una preparazione teorica approfondita che include una descrizione dei principali tipi di fenomeni che si verificano in sessioni olotropiche (biografiche, perinatali e transpersonali) e istruzioni tecniche per gli esperti e i sitter. Controindicazioni fisiche ed emotive sono discusse e se ci sono preoccupazioni, si ottiene una valutazione degli esperti. Il facilitatore mette in chiaro accordi con i clienti che non subirà danni a persone o proprietà o si impegnerà in un comportamento sessuale con gli altri durante una sessione di respirazione a lunga durata, e che continueranno a partecipare e completare l’intera sessione.
 
La respirazione olotropica è più veloce e profonda del solito; Generalmente non vengono date altre istruzioni specifiche prima o durante la sessione sulla velocità, il pattern e la natura della respirazione. L’esperienza è interamente interna e in gran parte non verbale, senza interventi. Le eccezioni sono la costrizione della gola, i problemi di gestione, il dolore e la paura eccessivi che minacciano la prosecuzione della sessione e la richiesta esplicita del respiratore.
La musica (o altre forme di stimolazione acustica -drumming, suoni della natura, ecc.) è parte integrante del processo holotropico.
Tipicamente, la scelta della musica segue un modello caratteristico che riflette il più comune svolgimento delle esperienze holotropiche: all’inizio, è evocativo e stimolante, poi diventa sempre più drammatico e dinamico, e infine raggiunge un culmine. Dopo il culmine, è opportuno passare gradualmente alla musica più tranquilla e terminare con selezioni pacifiche, scorrevoli e meditative. Anche se questo sembra rappresentare la media statistica, dovrebbe essere modificato se l’energia del gruppo suggerisce che sia indicato un modello diverso.
 
Il ruolo del Sitter durante la sessione è quello di essere reattivo e non intrusivo, per garantire una respirazione efficace, creare un ambiente sicuro, rispettare il naturale svolgimento dell’esperienza e fornire assistenza in tutte le situazioni che lo richiedono (incluso supporto fisico, aiuto Durante le pause del bagno, portando i tessuti o un bicchiere d’acqua, ecc.). È importante rimanere concentrati e centrati, affrontando l’intero spettro delle possibili emozioni e comportamenti del Respiratore. Il respiro umano non utilizza alcun intervento proveniente dall’analisi intellettuale o si basa su costrutti teorici a priori.
 
 
È importante lasciare tempo sufficiente per le sessioni, di solito tra due e tre ore. Tuttavia, come regola generale, il processo è consentito di raggiungere una chiusura naturale; In casi eccezionali, questo può richiedere alcune ore. Nel periodo di terminazione il facilitatore offre un lavoro di rilascio energetico, se il respiro non ha risolto tutte le tensioni emotive e fisiche attivate durante le sessioni. Il principio fondamentale di questo lavoro è quello di prendere gli indizi dall’esperienza e di creare una situazione in cui i sintomi esistenti siano amplificati; Mentre l’energia e la consapevolezza si svolgono in questo settore, il soggetto è incoraggiato a esprimere pienamente la sua reazione, qualunque forma prende. Questa forma di rilascio dell’energia è una parte essenziale dell’approccio olotropico e svolge un ruolo importante nel completamento e nell’integrazione dell’esperienza.
 
 
I facilitatori della respirazione umana devono riconoscere che, quando utilizzano una tecnica che evoca uno stato non ordinario in un cliente, esiste un potenziale di proiezioni insolitamente intense, tra cui desideri regressi per la nutrimento, il contatto sessuale o la connessione spirituale. Queste proiezioni sono spesso incentrate sul facilitatore. In questi casi, il facilitatore dovrebbe essere sensibile allo squilibrio del potere nel facilitatore e nei ruoli del cliente e fare attenzione a assistere i clienti con tali sensi. I facilitatori fanno accordi per condurre la loro pratica di respiro holotropico in modo etico.
I gruppi di discussione si svolgono lo stesso giorno dopo un’interruzione prolungata. Durante queste sessioni, il facilitatore non dà interpretazioni del materiale, basato su un sistema teorico specifico, compreso quello dell’Helotropic Breathwork. È preferibile chiedere all’esperto per ulteriori elaborazioni e chiarimenti che riflettano le sue intuizioni dalla sessione. Amplificazione jungica in
La forma dei riferimenti mitologici e antropologici può essere molto utile nella discussione delle esperienze olotropiche e delle mandalas. Talvolta, i riferimenti alle esperienze del facilitatore in passato o alle esperienze di altre persone potrebbero essere appropriate.
Ci sono molti approcci che accompagnano la pratica di respirazione al naso, la dara Kalff, la bioenergetica, le varie forme di massaggio, l’agopuntura, ecc. Tuttavia, ogni volta che vengono utilizzati, dovrebbe essere chiaramente indicato che queste non fanno parte del trattamento respiratorio holotropico. Se la pratica di condurre le sessioni in se si discosta in modo significativo dalle descrizioni sopra descritte, il nome Holotropic Breathwork non dovrebbe essere utilizzato per una tale procedura. Chiediamo che sia sostituito da un termine diverso e non associato ai nostri nomi.
 
 
 Come fare il respiro olotropico
 
1. Respirare Profondamente
Per iniziare la pratica HB, iniziare a trovare una posizione comoda. Chiudi gli occhi e comincia a fare profondi respiri dentro il naso e fuori dalla bocca.
Respiral più profondo possibile, respira più profondo possibile. Mentre, si può sentire disagio, bisogna continuare a respingere il disagio mentre respiri in questo modo per alcuni minuti.
Se cominci a sentirti vertiginoso o leggero, prendi una pausa e ti calmerà. Se si inizia a pensare troppo, bisogna concentrarsi sul proprio respiro e cercare di calmarsi nel momento presente.
2. Prendi Pace
Mentre procedete con le vostre profonde inalazioni ed espirazioni, ora prendete il ritmo. Prendete un respiro e non appena inalate – espirate subito, non appena espiate, inalate immediatamente (quanto difficile potete).
Sentirete come se non stiate prendendo molta aria, perché state iperossigenando i polmoni. Ancora una volta, questo vi farà sentire un pò di disagio, ma spingere e continuare a farlo fino a quando non procederà in modo più naturale.
 
 
3. Vivi l’esperienza non ordinaria
Dopo un po ‘di tempo si comincia a sentire come se si è in uno stato molto meditativo e si possono verificare sensazioni di chiarezza, occhi chiusi (o colori), beatitudine e emozioni più elevate. Si consiglia di farlo per circa un’ora prima di completare la sessione.
Quando cominci a praticare e perfezionare il tuo respiro, la tua esperienza comincerà a differire e ogni volta può essere un viaggio completamente unico.
 
 
“Chi conosce gli altri è saggio; Chi conosce se stesso è illuminato “. – Lao Tzu