RUBRICA DI SIMBOLOGIA: SQUADRA E COMPASSO NEL TEMPIO DI WU-LIANG

squadra e compasso (tempio di WU-LIANG)

 

 

 

 

 

 

Il tempio taoista di Wu-Liang a Jiaxiang, nella provincia di Shandong, eretto nel II secolo DC, ha al suo interno un dipinto raffigurante quella che nella mitologia cinese è considerata la coppia primigenia da cui discende l’umanità: questa coppia è formata da 伏羲 (Fú Xī) (il maschio, la squadra, il quadrato, il Sole), uno dei cosiddetti “三皇 (Sān Huáng) (Tre Augusti)”, ovvero i sovrani mitologici della Cina, e dalla sua consorte 女娲 (Nǔwā) (la femmina, il compasso, il cerchio, la Luna).

Fratello e Sorella, hanno code di serpente intrecciate, e sono rappresentati ciascuno con in mano il proprio simbolo: 伏羲 (Fú Xī) tiene in mano unCinaa squadra, mentre 女娲 (Nǔwā) impugna un compasso. Compasso e squadra, cielo e terra, lo yīn 阴 e lo yáng 阳, forze opposte e contrarie, ma così complementari da essere indivisibili e imprescindibili l’una dall’altra. Negli ideogrammi che li rappresentano, il termine “compasso” 规 (guī) è composto da due caratteri: 夫 (fū), che significa “uomo” o “lavoratore” e 见 (jiàn), che significa “vedere”; “squadra” 矩 (jǔ) è composto dai caratteri: 工 (gōng) “lavoro” e 失 (shǐ), che significa “freccia”, un simbolo cinese che indica la rettitudine.

E l’espressione: 规矩 (guī jǔ) (letteralmente “compasso e squadra”) è usata comunemente dai cinesi e significa “stare alla regola”, “comportarsi bene”, o “autodisciplina”. Ho guardato poi gli stessi monumenti e mi è sembrato di “vederli” per la prima volta. Ho cercato, allora, di intuire la fusione tra dimensione materiale e dimensione spirituale che ispira l’architettura cinese sia tradizionale sia moderna, che fa proprio l’assioma “天圆地方 (Tiān yuán dì fāng)” cioè “il Cielo è circolare, la Terra è quadrata”.